Area riservata

 
 
 







LINK UTILI


ANCE
Comune di Verona
Provincia di Verona
Regione del Veneto
Camera di Commercio di Verona
Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture

Appalti Pubblici: linee guida sull’avvalimento

L’ANAC ha messo in consultazione la Proposta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti finalizzata all’adozione del decreto di cui all’art. 83, comma 2, del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, nella parte relativa ai casi e alle modalità di avvalimento. Il documento è stato predisposto per scongiurare la pratica diffusa del “prestito dei requisiti” in sede di gara, con la finalità di rendere effettivo l’avvalimento in fase di esecuzione. In pratica la possibilità di avvalersi dei requisiti dell’impresa ausiliaria sarà subordinata all’effettivo uso delle risorse messe a disposizione per tutto il tempo necessario all’esecuzione del contratto. Secondo l’ANAC questo requisito va interpretato in maniera molto stringente, tali risorse infatti non potranno essere utilizzate dall’impresa ausiliaria per tutta la durata dell’appalto, ma dovranno essere effettivamente trasferiti all’impresa che se ne è avvalsa per partecipare alla gara. Nel contratto di avvalimento dovranno pertanto essere stabiliti precise condizioni: dalle risorse effettivamente messe a disposizione, al tempo di durata del contratto, oltre che dichiarare se l’impresa non si sia già impegnata a prestare le stesse risorse ad altre imprese in altre procedure. In mancanza di tali elementi il contratto è da considerarsi nullo. Infine sul RUP grava l’onere di verificare in caso di esecuzione l’effettiva messa a disposizione delle risorse, in caso contrario lo stesso RUP dovrà fare segnalazione all’ANAC che ne terrà conto nella formulazione del Rating d’impresa.


    << Torna alla pagine precedente